Dipendenza da Alcol - La Promessa - Centro di Stimolazione Magnetica Transcranica ripetitiva

Cos’è la dipendenza da Alcol

L’alcolismo o dipendenza da alcol è una patologia grave causata da un prolungato abuso di sostanze alcoliche. L’alcolismo è una grave dipendenza che provoca danni fisici, psichici e comportamentali, portando a seri problemi nella sfera sociale, lavorativa, relazionale e personale.

Dipendenza da Alcol


Se vuoi assistenza chiamaci ai numeri:
06.39.739.106 - 06.39.739.146

Orari di segreteria:
lunedì-venerdì 09.30 alle 19.30

oppure inviaci una richiesta informazioni all'indirizzo:
segreteria@lapromessa.it.

Per effettuare la donazione su Pay Pal clicca sul pulsante sotto:

Dipendenza da alcol – come uscirne

Dipendenza Alcol- come uscirne

Le persone che hanno una dipendenza da alcol sottovalutano e negano di avere un problema con la sostanza. Pertanto, è essenziale che i familiari o gli amici che riscontrano questo genere di problematica in una persona a loro vicina intervengano per limitare i danni diretti ed indiretti indotti dall’abuso di alcol.

Il primo passo per uscire dalla dipendenza da alcol è ammettere di avere un problema e avere la volontà di cambiare per cercare di risolverlo. Successivamente è necessario chiedere aiuto e ricevere il supporto necessario. Uscire dalla dipendenza da alcol è meno difficoltoso quando si hanno persone su cui appoggiarsi per incoraggiamento, conforto e guida. Senza supporto, è facile tornare ai vecchi schemi quando le cose si fanno difficili. È quindi fondamentale creare un ambiente non giudicante e favorevole al cambiamento intorno alla persona, così da farla sentire al sicuro nell’intraprendere il percorso di disintossicazione dall’alcol.

Esistono molti modi per ottenere un aiuto, anche immediato, se si hanno problemi alcol-correlati. Ci si può rivolgere a:

  • Medico curante: potrete ricevere informazioni preliminari sui problemi e sui danni derivanti dall’alcolismo o dall’abuso alcolico. In caso di necessità vi indirizzerà a medici specialisti o alle strutture di aiuto pubbliche e private adeguate.
  • Medico specialista: sarà in grado di fornire informazioni approfondite sul quadro clinico provocato dall’assunzione patologica di alcol. Il suo compito sarà quello di consigliare di intraprendere un eventuale trattamento farmacologico, decidere se si necessita di ospedalizzazione o cure ambulatoriali, suggerire l’inizio di terapie di appoggio individuali o di gruppo e, qualora fosse necessario, indirizzare verso ulteriori specialisti.
  • Operatore sociale: sarà di aiuto nell’indicare le strategie e le strutture di aiuto più appropriate al caso.
  • ASL (Azienza Sanitaria Locale): ha la competenza sul tuo territorio di indirizzarti verso le strutture pubbliche di supporto alla problematica.
  • SERD: Servizi Pubblici per le Dipendenze Patologiche (del SNN), dediti alla cura, alla riabilitazione e alla prevenzione delle dipendenze. Si avvalgono della collaborazione di medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, educatori ed infermieri.
  • Comunità terapeutiche e centri di recupero: strutture finalizzate al trattamento delle dipendenze.
  • Gruppo di aiuto: un efficace strumento di terapia che aiuta l’alcolista, già in fase di astinenza, a rafforzare le motivazioni e i comportamenti adeguati al raggiungimento e mantenimento della sobrietà.

Accedendo al link sottostante potete trovare l’elenco dei Servizi Pubblici per la Dipendenza da Alcol censiti dal Ministero della Salute: https://www.iss.it/documents/20126/1915304/ELENCO_SERVIZI_ALCOLDIPENDENZA_2010.pdf/44ed8e51-1b50-d5a6-1e83-45876ba41622?t=1576441995510

Dipendenza da alcol – conseguenze

Dipendenza alcol-conseguenza

Le conseguenze della Dipendenza da Alcol sono riscontrabili sia a livello fisico che a livello psicologico e socio-relazionale.

Gli effetti che compromettono la salute fisica sono principalmente riconducibili a danni al fegato e al cervello. L’alcol assunto viene metabolizzato al 90-95% a livello epatico e l’abuso cronico può portare danni gravi ed irreversibili al fegato, come la cirrosi epatica e le neoplasie epatiche. Inoltre, l’abuso di sostanze alcoliche aumenta il rischio di sviluppare altre patologie come diabete, ictus e disturbi cardiovascolari e l’insorgere di ulteriori problematiche come gastrite, esofagite, pancreatite e deficit vitaminici. L’abuso di alcol porta ad un progressivo danneggiamento del Sistema Nervoso Centrale comportando principalmente:

– Riduzione freni inibitori;

– Alterate capacità di giudizio;

– Deterioramento capacità cognitive (come attenzione, concentrazione e apprendimento);

– Danni alla memoria a breve termine;

– Problematiche a livello emozionale.

Effetti dell’alcol sulla personalità

Effetti alcol sulla personalità

L’assunzione prolungata nel tempo di bevande alcoliche determina un cambiamento nella persona, nei tratti della sua personalità e del suo carattere.

I segni distintivi possono essere:

– Umore che tende a cambiare repentinamente;

– Ansia;

– Irascibilità;

– Irritabilità;

– Depressione e sensi di colpa;

– Tendenza ad isolarsi e a chiudersi in sé stesso;

– Noncuranza verso tutto ciò che lo circonda;

– Tendenza a manipolare e mentire.

La comorbidità tra alcolismo e disturbi psichiatrici risulta essere molto documentata. Ad esempio, all’interno della classificazione del disturbo depressivo maggiore viene fatta una distinzione tra episodi depressivi dovuti all’astinenza dall’alcol (“indotti da sostanze”) ed episodi depressivi primari non associati alla dipendenza (“episodi indipendenti”). Inoltre, i disturbi psichiatrici associati possono variare a seconda del genere. Donne che presentano disturbi correlati all’abuso di alcol spesso hanno anche ricevuto una diagnosi di depressione, ansia, attacchi di panico, bulimia, disturbo post-traumatico da stress o disturbo borderline di personalità. Gli uomini dipendenti dall’alcol presentano invece caratteristiche di disturbo di personalità di tipo narcisistico, antisociale, disturbo bipolare, schizofrenia, sindrome da deficit di attenzione e iperattività.

Disintossicazione alcol – tempi

Disintossicazione alcol-tempi

Fondamentale per intraprendere il percorso di disintossicazione è la motivazione al cambiamento del soggetto. I protocolli di disintossicazione possono essere di vario tipo, la maggior parte dei trattamenti si concentra sul come aiutare le persone ad interrompere l’assunzione di alcol associato a modifiche nello stile di vita e sul sostegno sociale, al fine di aiutarli a resistere ad una eventuale ricaduta. Gli individui che sono a rischio solo di lievi o moderati sintomi di astinenza possono disintossicarsi come pazienti ambulatoriali. Mentre, persone più a rischio di sindrome di interruzione grave, così come coloro che hanno condizioni di comorbidità significative o acute, vengono generalmente trattate con un ricovero ospedaliero. La disintossicazione è spesso associata ad un trattamento farmacologico, come le benzodiazepine, che simulando gli effetti vanno a prevenire l’astinenza.

I sintomi acuti da astinenza tendono a diminuire dopo 1-3 settimane, mentre sintomi meno gravi (ad esempio l’insonnia e l’ansia) possono continuare a far parte di una sindrome da astinenza anche dopo un anno o più. I sintomi da astinenza cominciano poi a placarsi come il Sistema Nervoso tende a ripristinare il suo funzionamento verso la normalità. Non ci sono tuttavia delle tempistiche predefinite per la disintossicazione dall’alcol, ma variano da caso a caso.

Va comunque sottolineato che la disintossicazione non è un trattamento per l’alcolismo, ma è il primo passo per iniziare altri programmi che portino alla riduzione del rischio di recidive.

Dipendenza alcol – wikipedia

Dipendenza da alcol-Wikipedia

L’alcolismo è una sindrome patologica costituita dalla dipendenza al consumo di alcol. In clinica ci si riferisce all’alcolismo anche mediante l’utilizzo del termine latino potus («potare, bere») per indicare la compulsione a bere alcolici.

È caratterizzato da un consumo compulsivo di alcol, a scapito delle relazioni sociali del bevitore, della sua posizione sociale e della sua salute. Come per le dipendenze da droghe, l’alcolismo è considerato una malattia curabile. Il termine alcolismo è ampiamente usato ed è stato coniato nel 1849 da Magnus Huss, ma in medicina il termine è stato sostituito dal concetto di “abuso di alcol” e “dipendenza da alcol” come specificato nel DSM III del 1980.

Allo stesso modo, nel 1979, un comitato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha consigliato l’abbandono dell’uso del termine “alcolismo” come entità diagnostica, preferendo la categoria di “sindrome da dipendenza da alcool“.

Dipendenza alcol – giovani

Dipendenza da alcol nei giovani

Il consumo e l’abuso di alcol fra i giovani è un fenomeno preoccupante e in forte crescita. La cultura del bere attualmente diffusa tra i giovani segue sempre di più standard indirizzati verso modelli di “binge-drinking” ossia il “bere per ubriacarsi”, associati spesso a comportamenti violenti, compimento di reati e tentativi di suicidio. La riduzione dei rischi e delle conseguenze legate al consumo e all’abuso di alcolici da parte dei giovani ha rilevanti implicazioni in termini di salute pubblica e costi sociali.

È dimostrato che il consumo di alcol nei giovani causi un rischio quattro volte superiore di sviluppare una dipendenza da alcol in età adulta. L’adolescenza, oltre ad essere un periodo di grandi cambiamenti interiori è, infatti, anche un periodo di cambiamenti strutturali e funzionali a livello cerebrale. È in questo momento di vita che si sviluppa maggiormente la corteccia frontale e prefrontale, deputata alla regolazione emotiva, alle funzioni cognitive ed esecutive.

L’alcol va a ostacolare proprio questa formazione di processi cognitivi, come la pianificazione degli obiettivi, la memoria operativa, il controllo dell’attenzione, la flessibilità del pensiero, la regolazione emotiva e la regolazione dei comportamenti.

Le conseguenze, però, non si evidenziano soltanto a livello cerebrale: l’assunzione spasmodica di alcol si associa ad un aumento del rischio di sviluppare diverse patologie come cirrosi epatica, epatocarcinoma primitivo o malattie cardiache. I danni causati dall’alcol, inoltre, specie nell’età tra 18 e 25 anni, comportano a lungo andare anche problematiche gastrointestinali, nonché alterazioni nelle funzionalità polmonari e degli organi sessuali (disfunzione erettile ed infertilità).

Dipendenza alcol- rimedi

Dipendenza alcol-rimedi

In associazione al processo di disintossicazione, sedute di terapia di gruppo o individuale ed un percorso di psicoterapia possono essere utilizzate per affrontare i problemi psicologici sottostanti correlati alla dipendenza da alcol oltre a fornire elementi per riuscire a mantenere la sobrietà e di prevenzione dalle ricadute.

I gruppi di aiuto sono gruppi di terapia per gli alcolisti e per i loro familiari, assistiti da personale professionale o non, basati sul mutuo aiuto, sul rafforzamento delle motivazioni di cura, sul cambiamento degli aspetti cognitivi e comportamentali tipici dell’alcolismo. Tali mutamenti portano ad un radicale sovvertimento dello stile di vita del soggetto alcolista. Una partecipazione regolare agli incontri e la solidarietà tra i componenti del gruppo costituiscono una garanzia di base per il mantenimento dell’astinenza. Il trattamento di gruppo pone l’alcolista davanti ad altri alcolisti e si basa sull’ascolto reciproco delle loro storie, in questo modo il soggetto potrà sentirsi a suo agio nel condividere un’esperienza comune senza essere giudicato.

Di seguito sono indicate le associazioni di Auto Mutuo Aiuto (AMA) più note nel settore della dipendenza da Alcol.

Alcolisti Anonimi: associazione di auto-mutuo aiuto in cui le persone con problemi di alcolismo di incontrano in forma anonima e al fine di risolvere, attraverso la condivisione della loro esperienza e capacità di aiuto, il comune problema legato all’alcol.

– Associazione Italiana dei Club degli Alcolisti in Trattamento (AICAT): associazione di volontariato e auto-mutuo aiuto, che opera in ambito nazione e internazionale per il superamento dei problemi alcol correlati.

Al-Anon: associazione di auto-mutuo aiuto che opera con la finalità di aiutare le famiglie di alcolisti ad affrontare e superare gli effetti negativi procurati dal problema di alcolismo di un familiare o di un amico.

Successivamente alla fase di disintossicazione, è stata largamente studiata l’efficacia della terapia con Stimolazione Magnetica (rTMS), tecnica indolore e assolutamente non invasiva, per il trattamento della dipendenza da alcol.

Effetti dell’alcol sul comportamento

Effetti dell’alcol sul comportamento

La dipendenza da alcol è caratterizzata da un desiderio ossessivo di assumere sostanze alcoliche e dalla conseguente ricerca compulsiva di quest’ultime (es. necessità di bere al mattino, appena svegliati). Tale dipendenza è associata spesso ad assuefazione e tolleranza che minano la capacità dell’individuo di controllarne il consumo (per raggiungere un determinato effetto, l’individuo è costretto a bere quantità sempre maggiori di alcol).

La persona dipendente da bevande alcoliche ha la tendenza a:

– fuggire gradualmente dalle proprie responsabilità

– diventare inaffidabile nei suoi impegni

– trascurare la propria persona

– Avere frequenti attacchi d’ira,

– avere difficoltà nella capacità di comunicare con gli altri

– isolarsi

– Mettere in atto comportamenti antisociali

– Avere un sonno disturbato e discontinuo

– Essere poco tollerabile ad eventuali cambiamenti nei loro piani.

Inoltre, data la difficoltà di un alcolista a riconoscere di avere un problema e la tendenza a minimizzare la gravità della dipendenza, potrebbe assumere un atteggiamento ostile nei confronti di chi cerca di aiutarlo.

Video Gallery

Richiesta assistenza e supporto

    FAQ

    Domande più frequenti sulla dipendenza da Alcol

    Quando una persona si può definire alcolista ?

    L’alcolista è un individuo che ha perso la libertà di astenersi dal bere, la distinzione tra un bevitore moderato e un alcolista sta proprio in questa frase. Mentre un bevitore moderato può rimanere astinente senza grosse difficoltà, un alcolista non riesce a stare bene se non consuma alcol quotidianamente. Arrivati a questo punto non è più possibile tornare indietro, un alcolista non potrà mai più tornare a consumare alcol in modo adeguato.

    Quantità abbondanti di alcol sono sempre dannose e altamente tossiche, ma essere un alcolista significa anche “bere in modo sbagliato”, deviando dall’uso conviviale, aperto, piacevole (che ne farebbe un cosiddetto “bevitore sociale”). Essere alcolista è soffrire la malattia del bere, mentalmente e fisicamente. Identificare l’alcolismo in sé stessi o in coloro che ci sono vicini è perciò non tanto una questione di ammettere una quantità di alcol bevuta al giorno o alla settimana, quanto di riconoscere le conseguenze negative dell’alcol sulla nostra salute fisica e mentale e sulla nostra vita familiare, sociale e professionale.

    Come liberarsi dalla dipendenza da alcol?

    Il primo passo per uscire dalla dipendenza da alcol è ammettere di avere un problema e avere la volontà di cambiare per cercare di risolverlo. Successivamente è necessario chiedere aiuto e ricevere il supporto necessario. Uscire dalla dipendenza da alcol è meno difficoltoso quando si hanno persone su cui appoggiarsi per incoraggiamento, conforto e guida. Senza supporto, è facile tornare ai vecchi schemi quando le cose si fanno difficili. Per ulteriori informazioni fare riferimento all’area Dipendenza da alcol – come uscirne.

    Come capire se si ha un problema con l'alcol?

    Un buon punto di partenza è rispondere al breve questionario riportato di seguito, sviluppato dal Dr. John Ewing e chiamato CAGE, acronimo delle parole chiave in inglese contenute in ciascuna domanda:

     

    • Hai mai avvertito la necessità di ridurre (Cut down) il tuo bere?
    • Ti senti contrariato (Annoyed) se la gente critica il tuo bere?
    • Ti sei mai sentito addolorato o colpevole (Guilty) per il tuo bere?
    • Hai mai bevuto al mattino come prima cosa (Eye opener) allo scopo di calmare i tuoi nervi o per liberarti dei postumi di una sbornia?

    Un solo “sì” suggerisce un possibile problema con l’alcol. Più di un “sì” significa che è altamente probabile che il problema esista. In tal caso, è importante vedere un dottore o un altro operatore sanitario immediatamente, in modo che possa stabilire se esiste un problema col bere e nel caso suggerire il miglior percorso da seguire.

     

    Alcuni segnali di allarme possono essere:

    • Perdere una giornata a causa dei postumi di una sbornia;
    • Avere incidenti, liti o infortuni a causa del bere;
    • Pensi di continuo alla prossima bevuta;
    • Ingurgiti il primo bicchiere velocemente;
    • Ti prendi delle sbornie più che occasionalmente;
    • Hai necessità di bere prima di fare alcune cose o di affrontare determinate situazioni;
    • Ti senti sul punto di vomitare, hai tremori e sudi al mattino o nel mezzo della notte;
    • Spendi nell’alcol più di quanto possa permetterti;
    • Senti spesso di aver bisogno di bere;
    • Aumenti le discussioni e i litigi a casa durante le bevute;
    • Sei contrariato se altri fanno riferimento al tuo bere o al tuo comportamento quando sei sotto l’effetto dell’alcol;
    • Bevi quando sei solo;
    • Talvolta inizi a bere quando prima non lo facevi e al mattino presto.
    • Menti riguardo il tuo bere;
    • Tieni segreto il tuo bere ed i suoi costi.
    Quanto beve un alcolista al giorno?

    È difficile definire una dose soglia o un limite di consumo al di sopra del quale un bevitore è da considerarsi un bevitore eccessivo, un bevitore problematico o un alcolista. Parlando più in generale, la dipendenza alcolica ha inizio quando la quantità di alcol assunta è maggiore di quanto il corpo possa tollerare e metabolizzare.

    Un consumo superiore a quattro dosi di alcol (vino, birra o liquore) più di tre volte alla settimana è da considerarsi patologico. La nozione di dose soglia o dose massima è tuttavia discutibile, in quanto non tiene conto di fattori individuali di tolleranza o sensibilità agli effetti dannosi dell’alcol. Gli effetti di una dose d’alcol sull’organismo variano da soggetto a soggetto: il livello di alcol nel sangue in seguito alla sua ingestione e il rischio di sviluppare dipendenza variano col volume del corpo, il peso, le abitudini alimentari e in dipendenza del fatto che il consumo dell’alcol sia isolato o regolare. Un ruolo specifico giocano i fattori ereditari, i quali controllano la capacità di metabolizzazione della sostanza e il funzionamento dei centri nervosi di ricompensa e gratificazione.

    Rassegna stampa sul tema della dipendenza da Alcol

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie sul tuo browser o cliccando su "Accetta" ne permetti il loro utilizzo. Il sito della "La Promessa Impresa Sociale" raccoglie informazioni anonime esclusivamente di carattere statistico.

    Chiudi